Category Archives: sitemap1

Romania, le ragazze Romene

La Romania e le ragazze romene

Lingua ufficiale:     Rumeno
Capitale:     Bucarest (Bucuresti) (2.354.510 ab./ 2002)
Forma di governo:     Repubblica parlamentare
Indipendenza:     9 maggio 1877
Ingresso all’ ONU:     14 dicembre 1955
Area Totale:     238.391 km²
Popolazione Totale:     22.355.551 ab. (2004)
Densità:     91,3 ab./km²
Fuso orario:     UTC +2/Ora legale +3
Valuta:     Leu
TLD internet:     .ro
Prefisso tel.:     +40
Sigla autom.:     RO
Le ragazze Romene. Origini
La Romania (in rumeno România) è uno stato nel sudest dell’Europa. Confina a nord-est con l’Ucraina e la Moldavia, ad ovest con l’ Ungheria e Serbia e Montenegro ed a sud con la Bulgaria. La Romania ha anche un piccolo litorale del Mar Nero. donne rumene Il nome Romania deriva da Român, derivazione dell’aggettivo latino Roman, romano. Rappresenta le origini dello stato e giustifica la somiglianza linguistica del Rumeno con il Latino. Inoltre, “Tara Româneasca” (Nazione Rumena), è il nome che sta a indicare anche l’antico principato di Valacchia.
La Romania è divisa in 41 contee (judet, plurale judete) e la città di Bucuresti (Bucarest) — la capitale (dove vive la maggioranza delle ragazze Romene).
Gran parte delle frontiere rumene con Yugoslavia e Bulgaria sono formate dal Danubio. Il Danubio ha come affluente il fiume Prut che forma il confine con la Moldavia.
I monti Carpazi dominano la parte occidentale della Romania, con cime fino a 2500 m e raggiungendo i 2544 m del monte Moldoveanu.
Le città principali sono Bucuresti, Brasov, Timisoara, Cluj-Napoca, Costanta e Iasi.
Informazioni tratte  da Wikipedia, l’enciclopedia libera. Contenuto disponibile sotto GNU Free Documentation License.
Moltissime le Agenzie Matrimoniali Romene, sia dislocate in Romania e sia In Italia, con livelli di affidabilità per lo più molto scarso.
ragazze romeneLe ragazze romene (o ragazze rumene come spesso si dice), hanno spesso forti contrasti e differenze anche notevoli tra loro. La recente adesione alla comunità europea ha modificato quella ‘lontananza’ che prima faceva sentire loro più orientali, est-europee, pur rimanendo un legame culturale con i paesi latini grazie alle comuni radici linguistiche. Le donne romene hanno un livello scolastico e culturale mediamente al disotto di quello di altre nazioni ex-urss, spesso le troviamo in Italia a lavorare come badanti o baby-sitter essendo persone in genere molto pazienti e tranquille. Sono spesso iscritte alle Agenzie Matrimoniali Italiane. Nonostante l’adesione alla Cee, in Romania il livello economico è ancora basso, a volte inferiore a molte regioni della Russia (Mosca, SanPietroburgo o Sud della Russia ad esempio) paragonabile ai paesi dove vivono le ragazze Ucraine e Bielorusse. Le ragazze Romene che abitano nelle campagne della Romania hanno spesso il desiderio di abbandonare il proprio paese, anche perchè nelle province il livello di alcolismo degli uomini è sicuramente elevato e impone a ragazze Romene serie una ricerca di persone più affidabili, che non risolvono però iscrivendosi alle Agenzie Matrimoniali Romene.
La nostra Agenzia Matrimoniale non ha attualmente rapporti con la Romania nè presentiamo ragazze Romene, per una lunga serie di motivi.
La nostra preferenza va alle Ragazze Russe principalmente per la nostra ottimale conoscenza del paese e per le nostre sedi locali che ci garantiscono un elevatissimo livello di afidabilità che ci permette di offrire delle opportunità molto più concrete di successo.

Affidati a noi. Possiamo  presentarti delle affidabili ragazze Russe, con possibilità di successo (e futuro) ben maggiori.

 

il visto turistico

Il visto turistico

Il visto turistico viene rilasciato per viaggi turistici.
Consente un solo ingresso in Russia nel corso del periodo di validità, per un soggiorno di durata massima di 90 giorni. Con il visto turistico non è possibile svolgere nessuna attività lavorativa. Una volta che si entra in Italia, (indipendentemente dal fatto che sia o meno necessario il visto per turismo) prima dello scadere di 8 giorni, è obbligatorio andare in Questura per richiedere il rilascio del permesso di soggiorno per turismo altrimenti si rischia l’espulsione

I requisiti per l’ottenimento del visto uristico sono :

  • Biglietto di viaggio di andata e ritorno (oppure solo la prenotazione) ovvero la disponibilita’ di autonomi mezzi di viaggio;
  • La disponibilita’ di un alloggio (prenotazione alberghiera, dichiarazione di ospitalita’, ecc.).
    Nel caso d’invito da parte di cittadino italiano o straniero regolarmente residente, dovra’ essere esibita una “dichiarazione d’invito” con cui il dichiarante attesti la sua disponibilita’ ad offrire ospitalita’ in Italia al richiedente il visto.
  • Adeguati mezzi finanziari di sostentamento, non inferiori all’importo stabilito dal Ministero dell’interno con la Direttiva di cui all’art. 4, comma 3, del testo unico n. 286/1998;
    Laddove quest’ultimo non disponga autonomamente di tali mezzi di sussistenza la “dichiarazione d’invito” dovra’ essere accompagnata dalla adeguata dimostrazione dei mezzi finanziari necessari per il periodo di soggiorno (anche tramite travellers cheques, buoni fruttiferi postali, libretto di risparmio nominativo, estratto conto, carta di credito + estratto conto, titoli, ecc.).
    Per gli elenchi delle imprese di assicurazione abilitate a rilasciare garanzie nei confronti dello Stato e degli altri enti pubblici vedi www.isvap.it

Il rilascio del visto d’ingresso per turismo è altamente discrezionale, infatti la legge Bossi Fini prevede addirittura che il provvedimento di rifiuto del rilascio del permesso di soggiorno per turismo non deve nemmeno essere motivato dal consolato competente. In altre parole si sancisce per legge che se si vuole si concede il visto per turismo, se non si vuole non lo si concede.
Lo straniero può inoltre essere “respinto” dall’autorità di frontiera, se non sono presenti le garanzie previste per l’ingresso nel territorio dello Stato. Rimane salva la possibilità di fare ricorso al diniego di visto di ingresso, entro 60 giorni dall’emanazione del provvedimento, al TAR del Lazio. E’ quindi importante essere seguiti da professionisti durante la presentazione dei documenti richiesti per il rilascio del visto turistico, in modo da evitare inconvenienti gravi.

Per le Informazioni di riferimento aggiornate :
UFFICIO CONSOLARE AMBASCIATA ITALIANA MOSCA
MINISTERO DEGLI ESTERI